PAOLA PETRICIG

Studio Specialistico

di Medicina Estetica

logonuovo
© 2020 Paola Petricig 

SENZA BISTURI 

 
eyJpdCI6ImJsZWZhcm9wbGFzdGljYSJ9eyJpdCI6ImJsZWZhcm9wbGFzdGljYSBzb2Z0In0=eyJpdCI6IiJ9eyJpdCI6IiJ9eyJpdCI6IiJ9eyJpdCI6IiJ9

E' possibile una chirurgia senza bisturi?  E con quali indicazioni?  Oggi molte situazioni possono essere risolte senza praticare incisioni, a tutto vantaggio della velocità e comodità per il paziente.

 

 

Sublimare

MICRORADIOBISTURI

SI tratta della chirurgia non ablativa, una modalità di intervento ambulatoriale che, senza incisioni, risolve in pochi minuti problemi estetici dovuti a cheratosi e fibromi cutanei, macchie e cute in eccesso.

Agisce attraverso il meccanismo della sublimazione tissutale, una micro combustione superficiale, estremamente localizzata che determina una istantanea vaporizzazione della lesione da eliminare e una retrazione elastica della cute in eccesso.

Il dispositivo elettrico è un microradiobisturi a sublimazione dermica dotato di aghi monouso, che ionizza l’aria tra il terminale e l’epidermide e ne determina l’immediato passaggio allo stato gassoso, senza irradiazione (laser) e senza scossa elettrica (elettrobisturi), attraverso la formazione del plasma (gas ionizzato ad alta temperatura).

Prima del trattamento può essere applicata una crema anestetica o praticata un’anestesia locale.

Possono essere trattati: fibromi penduli (porri), cheratosi seborroiche, xantelasmi palpebrali, piccole rughe perioculari, macchie cutanee, cisti sebacee, grani di milio, codice a barre perilabiale, cicatrici da acne, smagliature.

 

 

 

 
{

 

 

Soft

BLEFAROPLASTICA

Una delle applicazioni più interessanti per questa nuova tecnologia è senz'altro la possibilità di intervenire senza incisioni su uno degli inestetismi più comuni che riguarda l'area oculare.  L'eccesso cutaneo della palpebra può influire negativamente sull'espressione del volto, appesantendo lo sguardo, facendo apparire la persona stanca o triste.  Fino ad ora l'unica possibilità di intervento era quella chirurgica, con l'incisione ed asportazione della striscia di pelle in eccesso.  Oggi, in molti casi che richiedono piccole correzioni, si può usare questa nuova tecnica, che non richiede l'uso di bisturi e sia l'intervento che il decorso sono molto più leggeri per il paziente.  

Il trattamento viene realizzato con tecnica puntiforme, che consente di limitare l’edema post intervento.

E’ molto importante seguire a domicilio attentamente le indicazioni del medico (applicare per 4 giorni acqua termale, non utilizzare nessun tipo di crema, make-up consentito dopo 48 ore).

Le crosticine che si formano dopo il trattamento non vanno assolutamente rimosse, in quanto la loro presenza consente un’ottimale guarigione della pelle palpebrale.

L’edema dopo la procedura è normale, ma in genere contenuto. Potrebbe, in alcuni casi, essere consigliata una brevissima terapia cortisonica orale.

Generalmente sono consigliate da 2 a 4 sedute distanziate tra loro di 30-40 giorni

 

 

 

 
{

 

Sinergia

PROGRAMMI INTEGRATI

Per ottenere uno sguardo più fresco è possibile abbinare alla Blefaroplastica non chirurgica altri trattamenti, che ne potenziano gli effetti.

Tossina Botulinica, per diminuire la tensione muscolare, liftare la coda del sopracciglio, distendere lo sguardo.

Filler di Acido Ialuronico, per correggere le occhiaie, attenuare la fine rugosità del contorno occhi.

Peeling chimico perioculare, per eliminare le pigmentazioni e levigare la cute.

 

Per maggiori informazioni

I contatti e i social


facebook
youtube
instagram
Create a website